San Giovanni di Paverano e l'Istituto visti dall'alto. Non è ancora presente la struttura del Von Pauer, edificata in epoca successiva alla fotografia.

L'esterno della chiesa.
A sinistra la facciata anteriore, a destra il lato dell'abside.
La navata centrale prima delle opere di ristrutturazione. Si notano le grandi colonne in cemento armato che limitano la visibilità dalle navate laterali. Gli affreschi ed i cassettoni del soffitto sono di epoca moderna.

Sulla parete di destra della navata centrale era stata applicata una lastra in pietra di promontorio scolpita, rappresentante un "Presepe con le armi araldiche dei Doria" opera attribuita a Giovanni Gaggini e databile attorno al 1475 (foto sopra).
Questo importante reperto, testimone della ricca tradizione dei "Sovraporta genovesi" sarà ricollocato in sede idonea alla fine della ristrutturazione. Click per approfondimento.

La navata di destra, l'unica di interesse storico, è sopravissuta alle varie traversie che la chiesa di San Giovanni Battista ha attraversato nel corso dei secoli.
Il restauro in atto mira a ridare a questa navata il suo aspetto quanto più possibile originale.
Nella parte superiore dell'abside è visibile un bell'affresco rappresentante "Madonna con angeli e S.Ignazio". Quest'opera testimonia il passaggio dei Gesuiti attraverso la storia della chiesa e del complesso del Paverano.
Clickando sull'affresco è possibile visualizzare ulteriore documentazione.